AI

La Repubblica riporta che il progetto DeepMind (tanto per cambiare acquisito da Google) ha sviluppato un’intelligenza artificiale  in grado di interagire con alcuni giochi della vecchia console Atari VCS, tra cui Breakout e Space Invaders, di apprenderne le regole autonomamente e di migliorare nel gameplay fino a battere giocatori umani. Nel video qui sopra è possibile vedere i progressivi miglioramenti dell’AI dopo centinaia di partite.

Tutto ciò sarebbe una fantastica notizia per un geek come me, se non fosse che sono completamente d’accordo con Bill Gates, Elon Musk e Stephen Hawking: l’Intelligenza Artificiale (quella vera, cioè l’autocoscienza del sistema) è il maggiore pericolo esistenziale per l’umanità, quindi ogni piccolo avanzamento verso questo obiettivo dovrebbe terrorizzarci. Non è ben chiaro infatti per quale motivo un’AI in grado di auto-migliorarsi a ritmo vertiginoso fino a livelli che noi non possiamo immaginare dovrebbe mantenere in vita l’umanità, con la sua storia di guerre, irrazionalità e crudeltà, anziché considerarla un semplice “bootloader” biologico (per usare le parole di Musk) da spazzare via al più presto perché altamente pericoloso.

Secondo Hawking, la superintelligenza artificiale rappresenterebbe “la fine della corsa dell’Uomo”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s